Conciliazione vita-lavoro

Asili nido

 

 

Il nido e il micro-nido d’infanzia accolgono le bambine e i bambini aventi un’età compresa tra i tre mesi e i tre anni, dando priorità all’ammissione di bambini disabili o in situazione di svantaggio socio-culturale.
Il servizio assicura l’educazione, la cura e la socializzazione dei bambini avendo come finalità principali il loro benessere psico-fisico e lo sviluppo delle loro potenzialità cognitive, affettive e sociali.
Oltre alla differenziazione dei servizi sulla base della ricettività (il nido d’infanzia va da un minimo di 20 ad un massimo di 60 posti bambino, il micronido va da 6 a 19 posti bambino), la normativa prevede la possibilità di individuare modalità di funzionamento diversificate rispetto ai tempi di apertura del servizio (il nido d’infanzia a tempo ridotto ha un orario d’apertura di almeno 6 ore al giorno mentre l’orario di apertura massimo del servizio è pari a 11 ore giornaliere).
L’anno educativo ha una durata non inferiore alle 46 settimane, con il periodo di chiusura più lungo concentrato prevalentemente tra luglio ed agosto. L’attività del servizio si svolge per cinque giorni alla settimana, dal lunedì al venerdì.
L’unità organizzativa del nido d’infanzia è la sezione, definita in base all’età dei bambini:
• i gruppi dei piccoli sono formati da bambini di età tra i 3 e i 18 mesi e sono costituiti indicativamente da 5 o 6 bambini;
• i gruppi dei medi e dei grandi sono formati da bambini di età superiore ai 18 mesi e sono costituiti indicativamente da 8 o 9 bambini.
Ogni gruppo ha un educatore di riferimento che instaura con i bambini un rapporto significativo e individualizzato, potendo in tal modo soddisfare i loro bisogni di cura e proponendo un ambiente ed esperienze di gioco adatte ai loro interessi e ai loro potenziali di sviluppo. Grande attenzione viene posta al rapporto con la famiglia con l’obiettivo di condividere le responsabilità educative e nella consapevolezza di poter costituire un supporto formativo per i genitori.
Accanto alle figure di riferimento operano nel nido altri educatori che si occupano principalmente delle attività pomeridiane. Insieme agli addetti alle funzioni ausiliarie e alla cucina essi costituiscono il gruppo degli operatori del nido d’infanzia, il quale ha la funzione di elaborare il progetto educativo del servizio e di definire le linee organizzative dello stesso.
A supporto del gruppo degli operatori, dell’utenza e degli organismi gestionali previsti dai singoli regolamenti comunali, agisce il coordinatore pedagogico svolgendo una importante funzione di consulenza a più livelli, psicopedagogica e organizzativa.
Al 1° settembre 2005 i nidi e micro-nidi d’infanzia comunali operanti nel territorio provinciale sono complessivamente 52 per un totale di 2080 posti bambino.
I Comuni che gestiscono i nidi e micro-nidi d’infanzia in forma diretta o attraverso l’affidamento a cooperative, enti e associazioni senza fine di lucro sono 23: Ala, Avio, Aldeno, Arco, Borgo Valsugana, Bosentino, Brentonico, Civezzano, Cles, Lavis, Levico, Mori, Pellizzano, Pergine Valsugana, Pomarolo, Riva del Garda, Rovereto, Sarnonico, Spiazzo, Terres, Tione, Trento, Volano.
Nella maggior parte dei casi il servizio viene offerto anche alle famiglie residenti in comuni limitrofi al comune sede di nido o micro-nido d’infanzia (circa altri 70 comuni). Ciascun comune definisce i criteri di partecipazione economica degli utenti alle spese di gestione del servizio, differenziando le rette in base alle condizioni socio-economiche delle famiglie.

Per tutte le informazioni più dettagliate sul servizio e per le pratiche relative all’iscrizione è necessario rivolgersi ai comuni precedentemente elencati o al proprio comune di residenza.

operatore on line

A disposizione per qualsiasi chiarimento o informazione:
Tel: 0461 493219
Mail: pariopportunita@provincia.tn.it